Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Stampa

Con la seconda sentenza n. 23068 del 10 ottobre 2013 la Corte di Cassazione
ha dichiarato illegittimo il licenziamento del lavoratore se la patologia non è
particolarmente invalidante e compatibile con le mansioni assegnategli, una
volta adottate le cautele di legge in grado di ridurre i rischi per la salute, anche
quando il medico competente si sia espresso sulla inidoneità del dipendente.
La Corte ha respinto così il ricorso della società datrice di lavoro, ritenendo
che nella fattispecie la Corte d’appello ha adeguatamente motivato il proprio
convincimento in merito alla idoneità del lavoratore allo svolgimento delle
mansioni lavorative facendo leva proprio sul parere tecnico del consulente
d’ufficio e condividendone le conclusioni.
Viene ribadito nella sentenza che: “nel caso di contrasto tra il contenuto del
certificato del medico curante e gli accertamenti compiuti dal medico di controllo,
il giudice del merito deve procedere alla loro valutazione comparativa al fine di
stabilire (con giudizio che è insindacabile in sede di legittimità se adeguatamente
motivato) quale delle contrastanti motivazioni sia maggiormente attendibile,…”

Stampa

La fermezza assunta dalla UILTuCS nell'opporsi ad ipotesi di licenziamenti collettivi (mobilità) ed alla inapplicazione del Contratto Integrativo Aziendale, nella maggior parte degli Ipermercati, ha dato risultati positivi.

L'AZIENDA HA COMUNICATO UFFICIALMENTE CHE NON APRIRA' LA PROCEDURA DI MOBILITA' E CHE ABBANDONA LA PRETESA  DI INAPPLICARE IL CONTRATTO.

Le Segreterie Nazionali stanno predisponendo un comunicato unitario sulla questione.

Sarà pubblicato quì di seguito è potrà essere scaricato

 

Stampa

                        

Se la committenza sospende il servizio, anche a causa di scioperi dei loro dipendenti, le Lavoratrici ed i Lavoratori delle mense devono essere comunque retribuite:

- nel limite di 8 (otto) ore al mese se operano in aziende che applicano il contratto interaziendale

- senza limiti di ore se operano in aziende che non applicano il contratto interaziendale

Nulla è dovuto in caso di scioperi proclamati sia per i dipendenti della committenza sia per quelli delle mense, (es. sciopero generale).

 

Stampa

Il video della manifestazione che documenta la numerosa partecipazione dei lavoratori che hanno sfilato per le strade di Torino in occasione dello Sciopero Generale del 15 novembre 2013.

Come sempre si è vista una foltissima presenza di militanti e lavoratori dietro lo striscione e con le bandiere della UILTuCS.

 

Stampa

              

Su iniziativa vertenziale della UILTuCS, la Corte d’appello di Torino  ha condannato un’azienda della ristorazione collettiva ad elevare l’orario di lavoro contrattuale, ad una dipendente part time operante nelle mense scolastiche, al minimo previsto dal Contratto Nazionale di Lavoro  e cioè a  15 ore settimanali ed al conseguente pagamento degli arretrati.

 

Stampa

Questo è il video della manifestazione del Turismo e Mense, svoltasi a Milano il 31 ottobre.

Stampa

                                    

Nelle giornate del 25, 26 e 28 ottobre 2013 si sono svolte le elezioni delle RSU presso l'Ipermercato Auchan di Torino (C.so Romania).

Sono state presentate liste distinte per 4 organizzazioni sindacali (UILTuCS/UIL - Fisascat/Cisl - Filcams/Cgil- Flaica/Cub), per 9 seggi disponibili.

  • La UILTuCS/UIL ha ottenuto 4 seggi
  • La Fisascat/Cisl ha ottenuto 0  seggi
  • La Filcams/Cgil ha ottenuto 1 seggio
  • La Flaica/Cub ha ottenuto 3 seggi
  • Un seggio è ancora in discussione ai fini della propria assegnazione.

La UILTuCS augura un buon lavoro alle proprie RSU elette: Carretta Concettina, De Sisto Massimiliana, Iandolo Marilena e Mancuso Mario.

 

Stampa

Come già deciso dalle OO.SS. di categoria della provincia di Torino, anche nelle altre province della Regione Piemonte UILTuCS FISASCAT e FILCAMS hanno proclamato lo sciopero per l'intero turno di lavoro, che riguarderà i turni che inizieranno dalle 0,00 alle 24,00 del 15 novembre 2013. Le OO.SS. regionali di categoria, pertanto, hanno assunto le decisioni unanimi ed unitarie delle province, dichiarando l'estensione dello sciopero per l'intera giornata del 15 novembre p.v. su tutto il territorio piemontese.

Per la provincia di Torino è prevista una mobilitazione generale con un corteo: partenza ore 9,30 da piazza Vittorio Veneto ed arrivo in piazza Castello.

ADERITE ALLO SCIOPERO E PARTECIPATE NUMEROSI ALLA MANIFESTAZIONE DIETRO GLI STRISCIONI E CON LE BANDIERE DELLA UILTuCS

Stampa

Grande adesione allo Sciopero  Nazionale proclamato da UILTuCS/UIL, Fisascat/Cisl e Filcams/Cgil  il 31 ottobre 2013, indetto per i Lavoratori dipendenti da Pubblici Esercizi e Mense Aziendali/Scolastiche, per il rinnovo del Contratto Nazionale di Lavoro.

La manifestazione svoltasi a Milano, per le regioni del nord, ha registrato un'alta partecipazione, con circa 10.000 presenze, anche grazie all'impegno dei Rappresentanti Sindacali, delle Lavoratrici e dei Lavoratori del Piemonte.

Pagina 9 di 11