Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Stampa

E' con grande soddisfazione che vi informiamo del successo elettorale di ENZO LAVOLTA.

E' stato il secondo eletto della lista PD su 40 candidati.

ENZO ci ha chiesto di ringraziare tutti quelli che lo hanno votato e che lo hanno fatto votare; ci ha detto di trasmettervi che metterà il massimo impegno per essere all'altezza delle vostre attese e per non deludervi.

Ha riconfermato infine che lui starà sempre dalla nostra parte e si batterà con noi quando glielo chiederemo.

Vi saluta ringraziandovi e con un a presto.

Noi abbiamo augurato a lui un buon lavoro per la Città e per i lavoratori torinesi.

Forza Enzo,

Il Segretario Generale Pezzetta Giannantonio

 

Stampa

BONUS ECONOMICO 2016

 

Gli Enti Bilaterali del Terziario (commercio) e del Turismo (mense aziendali) hanno deliberato l’erogazione di un bonus economico pari a 300 euro ad ognuno dei 1500 nuclei familiari (anche unipersonali), tra quelli che ne faranno domanda, che risulteranno in possesso del minor reddito risultante dalla nuova ISEE 2016 che sarà a tal fine richiesta quale documentazione probante.

I beneficiari dovranno essere lavoratori subordinati in forza ad aziende operanti nei settori di: Terziario, Distribuzione Commerciale, Mense Aziendali, Pubblici Esercizi, Alberghi, le cui aziende siano in regola con i versamenti delle quote contrattuali previste a favore degli Enti stessi.

Le domande saranno raccolte dalle OO.SS.: UILTuCS, FISASCAT e FILCAMS, nel periodo tassativo intercorrente tra il 1 giugno 2016 ed il 31 luglio 2016.

Le erogazioni del bonus avverranno nel mese di ottobre 2016.

Si rimette in allegato il modulo, scaricabile, per la richiesta del bonus a cui allegare copia della Carta d’Identità del richiedente e ISEE 2016.

Scarica Modulo:

Stampa

Scarica la Locandina:

 

 

Stampa

Cessate le trattative per il rinnovo del contratto dei dipendenti della Grande Distribuzione Organizzata

 

Stampa

 

                                                      

 

L’AZIENDA NON VUOLE IL RINNOVO DEL CCNL, DISDICE IL CONTRATTO AZIENDALE, MA TROVA UDIENZA PER FARE ACCORDI SUI LICENZIAMENTI

 

FIRMATO L’ACCORDO

TRA: FILCAMS/CGIL–FISASCAT/CISL E G.S. S.P.A.

PER LICENZIARE 55 LAVORATORI NELLE FILIALI DI TORINO E PROVINCIA

                                                        

PERCHE’ LA UILTuCS NON HA FIRMATO ?

 

1)    L’Azienda mentre dichiarava 55 lavoratrici e lavoratori in esubero nel contempo operava utilizzando: lavoro straordinario, lavoro supplementare e soprattutto lavoratori somministrati (ex interinali).

2)    L’Azienda, per almeno cercare di creare le condizioni per fare a meno dei licenziandi, ha trasferito di filiale e modificato in peggio gli orari a diversi lavoratori, senza concordarlo con questi e senza discuterlo con il sindacato.

3)    La UILTuCS ha chiesto di affrontare prioritariamente questi problemi e di verificare i carichi di lavoro nelle filiali prima di parlare di esuberi, ma tale richiesta è rimasta inascoltata.

4)    La UILTuCS ha voluto dare ascolto ai Rappresentanti Sindacali Aziendali che rappresentavano situazioni di carenza di personale e non certo di esuberi.

5)    La UILTuCS non si è voluta rendere complice di una operazione che, con l’utilizzo di soldi pubblici, con i quali è finanziata la mobilità, e con un accresciuto sacrificio delle lavoratrici e dei lavoratori, è finalizzata a costituire un organico più flessibile e meno costoso. 

6)    La UILTuCS non ha voluto ingannare le lavoratrici ed i lavoratori asserendo che le ore di lavoro dei licenziati sarebbero state reintegrate con nuove assunzioni o con passaggio a più ore del personale part-time, in quanto ciò non sarebbe realizzabile perché ILLEGALE.

 

La UILTuCS ovviamente farà quanto possibile per affermare quanto qui esposto e le buone ragioni delle lavoratrici e dei lavoratori, tradite dall’accordo in questione sui licenziamenti.

 

Torino 08 marzo 2016.                                                                       Stampato in proprio.

Pagina 8 di 20