Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione dei dettagli della Cookie Policy e Privacy.

 
 

ALL FOODS aveva licenziato per riduzione del personale alcuni lavoratori dopo essere subentrata nella gestione della ristorazione della Città della Salute (Ospedale Molinette).

La UILTuCS di Torino, tramite il proprio legale Concetta Vullo, aveva impugnato i licenziamenti ai lavoratori che si erano rivolti ad Essa chiedendo la loro reintegrazione sul posto di lavoro ai sensi dell’art.18 L.300/70, asserendo che il cambio d’appalto dovesse essere regolato dall’art.2112 C.C. e cioè come cessione di ramo d’azienda e che di conseguenza i lavoratori dovessero mantenere, senza soluzione di continuità, il loro rapporto di lavoro con la nuova gestione. In tal caso Essi sarebbero stati assunti precedentemente al marzo 2015, seppur dall’azienda uscente, mantenendo le tutele dell’art.18 L.300/70.

Il Tribunale del Lavoro di Torino prima, la Corte d’Appello dopo (in quanto la All Foods fece ricorso) a quest’ultima), diedero ragione alla tesi della UILTuCS di Torino.

All Foods, non rassegnata, ricorse in Corte di Cassazione, che con sua sentenza del 31 gennaio 2020 ha dato ragione definitivamente alla UILTuCS di Torino.

Un principio importantissimo per la tutela dell’occupazione e dei diritti acquisiti delle lavoratrici e dei lavoratori delle mense.

Si ringrazia l’avvocato Concetta Vullo per l’ottimo lavoro svolto.

Sentenza licenziati ALL FOODS